Trofie al pesto vegan

Il pesto… adatto sia d’estate che d’inverno. Risolutivo di cene e pranzi veloci e poco impegnativi.

Una salsa fredda che sprigiona tutta la bontà e la freschezza racchiusa sia nelle foglie di basilico, sia negli altri ingredienti che lo compongono.

Vi guiderò nel preparare una versione vegana che avrà la sua resa finale di tutto rispetto.

 

Ingredienti (per 2 persone):

180g di trofieAvat_pag

1 mazzetto di foglie di basilico

1 spicchio d’aglio (privato dell’anima)

una manciata di pinoli

5 anacardi

3 noci

½ patata lessa

1 pomodorino datterino (anche ciliegino puo’ andar bene)

Olio evo

Sale

 

Scegliete delle belle e fresche foglie di basilico e sciacquatele abbondantemente (il quantitativo da utilizzare indicativamente è circa 4 volte maggiore a quelle ritratte in foto, io ne ho fotografate solo una parte per una ragione di spazio nel piatto).

img_7596

Procuratevi degli anacardi, 5 per l’esattezza. In commercio sono sempre venduti senza guscio perché questo contiene una resina caustica che deve essere accuratamente rimossa prima di poter consumare questo tipo di frutta secca. Occhio che ne trovate anche anche di quelli tostati con olio di palma, pertanto il mio consiglio è di preferire tassativamente quelli al naturale, quindi senza oli vegetali aggiunti.

3 belle noci che avrete provveduto a privarle del loro guscio.

1 spicchio d’aglio non molto grande, che secondo il vostro gusto, potrete privare dell’anima.

Mezza patata lessa per dare un tocco vellutato e ulteriore cremosità.

Una manciata di pinoli sgusciati e un pomodorino datterino (o ciliegino) che servirà a conferire un pizzico di dolcezza acida al nostro pesto vegano.

Mettete tutti gli ingredienti nel contenitore del tritatutto e abbiate cura di aggiungere oltre all’olio evo e un pizzico abbondante di sale, anche un cubetto di ghiaccio, che farà in modo da rallentare l’ossidazione del basilico quando le lame lo andranno a triturare.

img_7598

Quando andrete man mano ad aumentare la velocità delle lame, grazie al cubetto di ghiaccio aggiunto, il nostro pesto conserverà il colore verde vivo che donerà lucentezza al piatto.

Nel mentre avrete messo sul fuoco dell’acqua opportunamente salata per la pasta!

img_8151

Scolate le trofie molto al dente e a questo punto potete aggiungere nella stessa pentola, dove avete cotto la pasta, il pesto.

Mantecate per circa sessanta secondi con meno di mezzo mestolo di acqua di cottura e, quando il tutto avrà raggiunto una cremosità consistente, lasciate riposare e all’occorrenza regolate di sale.

Impiattate una generosa porzione irrorando con un filo d’olio evo e delle foglioline fresche di basilico.

img_8155

Pochi e semplici ingredienti per una realizzazione alternativa, priva di prodotti animali che farà leccare i baffi anche ai più scettici e tradizionalisti della ricetta ligure.

V.

Annunci

12 Comments Add yours

  1. The Master Of Cook ha detto:

    A una prima, rapida, occhiata non avevo capito il senso di fare un pesto vegano.
    Poi però leggendo la ricetta con un pò più di attenzione, la sostituzione del parmigiano/pecorino con la patata dà senso a tutta la ricetta.
    Bravi. 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Chef V. ha detto:

      Ti ringrazio per avermi dedicato del tempo!

      Liked by 1 persona

  2. Gocce di Salute ha detto:

    Ma che bella ricetta! 😍

    Liked by 1 persona

    1. Chef V. ha detto:

      Grazie del tempo che hai dedicato nel leggerla e nel soffermarti!

      Liked by 1 persona

    1. Chef V. ha detto:

      Grazie per avermi dedicato del tempo! Prova a realizzarla e ti sorprenderà piacevolmente!

      Mi piace

      1. lillyslifestyle ha detto:

        Grazie a te per la deliziosa ricetta 😉 Non sono vegana ma già non mangio carne da 15 anni. A casa siamo praticamente vegetariani 🙂

        Mi piace

        1. Chef V. ha detto:

          Anche la tua\vostra è una buona scelta e colgo nuovamente l’occasione per ringraziarti di esser passata da qui

          Liked by 1 persona

  3. Laura & Samantha ha detto:

    Il mio ragazzo ligure dopo aver letto questa alternativa ha avuto un malore 😂 comunque proverò questa alternativa ma per non farlo arrabbiare cambierò il nome in ” trofie al basilico”! Laura

    Liked by 1 persona

    1. Chef V. ha detto:

      Capisco☺️… ma fidati che anche il genovese più d.o.c. se non fosse a conoscenza che ció che ha nel piatto è senza prodotti animali difficilmente storcerebbe il muso…anzi la sua domanda sorgerebbe spontanea: Quindi questo piatto è vegetariano non vegano?😜👍

      Liked by 1 persona

  4. macalder02 ha detto:

    Una delicia que no se puede dejar pasar. Una receta para no olvidar.

    Liked by 1 persona

    1. Chef V. ha detto:

      Thanx 😉👌

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...